PAVIA. Un progetto europeo per valorizzare il turismo culturale in Ghana

PAVIA. L’Università di Pavia, insiem con il Dipartimento di Studi Politici e Sociali è tra i protagonisti del progetto di turismo culturale e conservazione dell’eredità culturale “The Ankobra Gold Route: Common Ghanaian-Dutch Historic and Cultural Heritage in Western Ghana”.Al centro del progetto l’eredità culturale di Ghana e Olanda, in particolare nella regione occidentale del Ghana.
Dal punto di vista scientifico, il progetto prevede il reperimento, restauro e conservazione di oggetti particolarmente significativi (documenti, manufatti etc…), in grado di  testimoniare la reciproca eredità culturale tra Ghana e Olanda nel territorio del Ghana occidentale. Buona parte del lavoro archeologico, storico e antropologico riguarderà il centro fortificato per il commercio olandese Elize Carthago  (del 17° e 18° secolo) e Fort Ruychaver (secolo 17°), entrambi sulle rive del fiume Ankobra, oltre agli insediamenti africani vicini. Il progetto, inoltre, intende valorizzare il turismo sostenibile, come importante contributo allo sviluppo economico e culturale delle aree interessate. Verrà creato un percorso turistico-culturale nella regione di Ankobra, coinvolgendo comunità e istituzioni locali, in collegamento con il più ampio contesto di turismo sostenibile già avviato sulla costa occidentale.
Tra gli importanti risultati attesi ci sono la valorizzazione di importanti materiali documentari e una maggiore conoscenza delle relazioni tra Ghana e Olanda. Queste ultime, in passato, non sono state legate unicamente allo sviluppo dei commerci e al progetto europeo di espansione, ma hanno coinvolto anche moltissimi aspetti umani e culturali riguardanti sia i singoli individui, sia le comunità. E’ importante che i due Paesi conoscano  e comprendano la storia e i legami comuni, anche in prospettiva di nuove relazioni  e dei vantaggi sociali, economici, culturali e ambientali che dal progetto possono emergere.
Il progetto finanziato dal governo olandese, vede, accanto all’ateneo pavese, la Ong italiana Ricerca e Cooperazione, che ha una vasta esperienza in quel territorio e il Ghana Museums and Monuments Board, oltre a diversi altri interlocutori ghanesi ed europei. I tre partner lavoreranno a stretto contatto con alcune istituzioni, tra cui the Atlantic World and the Dutch Programme (AWAD), the Ghana Tourist Board, the Public Records and Archives Administration Department of Ghana (PRAAD), the University of Ghana at Legon, and the University of Groningen (The Netherlands).
Il governo olandese ha approvato il progetto e i fondi sono stati versati ai primi di agosto. Le attività sono intanto iniziate. Il costo complessivo del progetto, che durerà 18 mesi (da luglio 2011 a dicembre 2012) è di 343,900 euro, 148,950 dei quali messi a disposizione dal Governo olandese all’interno del programma Mutual Cultural Heritage Policy 2009-2012.

PAVIA. Un progetto europeo per valorizzare il turismo culturale in Ghanaultima modifica: 2011-08-31T20:22:00+02:00da agipa
Reposta per primo quest’articolo